Philweb.it - Il news magazine online di Filatelia, Francobolli, Storia Postale
Indice   FAQ   Cerca   REGOLAMENTO
Iscriviti  Login
Benvenuti in Forum Francobolli
La community italiana dedicata alla filatelia, alla storia postale e ai servizi postali.

G 7 Napoli 1994 - Merce rara?

Gli aspetti normativi, legali, civili, penali e amministrativi del collezionismo di francobolli e documenti postali.

Re: G 7 Napoli 1994 - Merce rara?

Messaggioda maurino » sab nov 15, 2014 8:29 pm

Ma scusate bene uno avrà ben diritto di spendere i propri soldi come meglio crede.
Visto che siamo su un forum di filatelia probabilmente tanti di noi li spenderanno in francobolli.
Su un forum di auto d' epoca li spenderanno in auto d' epoca, su un forum di barca a vela li spenderanno in barca a vela, su un forum di elettronica in hardware, saldatori e componenti, su un forum di bricolage in materiale ed attrezzature.
Smettiamola per favore col falso buonismo, la recessione, la crisi, la maremma boia.
Se uno ha i sensi di colpa a spendere 300 euro in francobolli perchè c'è gente che non arriva a fine del mese li dia in beneficenza ( come giustamente fatto notare). Se in beneficenza non li vuole dare, allora taccia e non se ne esca con queste menate che sono sempre le stesse, sempre le stesse, sempre le stesse.. sono_arrabbiato sono_arrabbiato sono_arrabbiato

ciao ciao ciao
"Se ci sono regole sai che c' è un interesse, e sai che l' interesse è sempre di chi le ha messe" [cit.]

Colleziono RSI, innamorato dei fascetti. In riflessione con Trieste A, mi diletto anche con ASI e annulli particolari del Regno.


Maurizio

maurino
Collezionista spigliato
Collezionista spigliato
 
Messaggi: 230
Iscritto il: dom apr 21, 2013 1:32 pm
Ha votato: 3 volte
E' stato votato: 13 volte

Re: G 7 Napoli 1994 - Merce rara?

Messaggioda ignotus » sab nov 15, 2014 8:48 pm

Non dovrei rispondere a persone che usano un certo tono nei rapporti col prossimo e dico solo una cosa: la realtà è purtroppo quella che in giro mancano i soldi veri! Quanto dico riporta la situazione reale che c'è in giro e se si parla con gente comune di spese per francobolli e documenti postali la risposta è sempre la stessa: gente fuori di testa. Riguardo ai rimorsi a me vengono ma in fondo dico quello che disse il mio Grande Maestro: me ne frego. Il mio dovere verso il prossimo lo faccio senza tanta pubblicità e senza aderire a confraternite di volontariato come una mia collega che si fregava le elemosine pro Croce Rossa nella quale militava come infermiera volontaria:

http://www.ilgiornaledivicenza.it/stori ... per_furto/

Gli scrupoli di coscienza circa le spese voluttuarie penso siano parte della psiche di ogni persona sotto sotto altruista e di beneficenza anche filatelica ne ho fatta tanta. Ho tra le altre cose regalato (e non svenduti su ebay!) cinque esemplari (un paio a due forumisti) di questo francobollo segnatasse di Albania del 1936 nuovi perfetissimi quotato attorno ai duecento euro nuovo:

http://stampcircuit.com/Stamp-Auction-C ... ia?page=49

Al mondo le persone si dividono in due categorie: chi può e chi non può fare certe cose in qualunque settore.
Per favore non continuiamo questa discussione visto che la chiudo qui!

Avatar utente
ignotus
Collezionista Guru
Collezionista Guru
 
Messaggi: 5953
Iscritto il: sab gen 12, 2008 10:47 pm
Località: nel centro del Veneto
Ha votato: 39 volte
E' stato votato: 69 volte

Re: G 7 Napoli 1994 - Merce rara?

Messaggioda maurino » sab nov 15, 2014 8:59 pm

Nel caso non l' aveste capito..in giro mancano i soldi veri!
La gente vi guarda come pazzi se dite che comprate dei francobolli invece che tenere da parte sodi che potreste spendere come vi pare e piace ma che non potete per rispetto di chi non ne ha.
Teneteli sotto il materasso, mi raccomando non fateli girare, non spendeteli, e sicuramente fra un po' di tempo ci risolleveremo dalla crisi e il nostro hobby sarà più florido che mai.. -^ -^ -^ -^

Citando Totò "ma ci faccia il piacere!!!"

ciao ciao ciao ciao ciao
"Se ci sono regole sai che c' è un interesse, e sai che l' interesse è sempre di chi le ha messe" [cit.]

Colleziono RSI, innamorato dei fascetti. In riflessione con Trieste A, mi diletto anche con ASI e annulli particolari del Regno.


Maurizio

maurino
Collezionista spigliato
Collezionista spigliato
 
Messaggi: 230
Iscritto il: dom apr 21, 2013 1:32 pm
Ha votato: 3 volte
E' stato votato: 13 volte

Re: G 7 Napoli 1994 - Merce rara?

Messaggioda DottorDino » sab nov 15, 2014 9:53 pm

maurino ha scritto: che sono sempre le stesse, sempre le stesse, sempre le stesse.. sono_arrabbiato sono_arrabbiato sono_arrabbiato

ciao ciao ciao


Io credo che uno dei mali di questo forum, che a me piace anche se siamo pochi, è che qualche discorso torna ogni pochissimo, ogni 5-7 giorni si ritira fuori lo stesso discorso o gli stessi discorsi, e la crisi, e non si spende per i francobolli e nel 1950 succedeva così, e il mio babbo faceva così e invece di comprare le lenticchie le spendo in francobolli, ...... come dico spesso senza certi argomenti sempre uguali, tipo ah trovassi un foglio del tre lire al mercatino, la lettura del forum sarebbe più scorrevole almeno del 50% ma che ci si vuol fare, alcuni hanno una certa età e come si sa ad una certa età si ripetono sempre, inesorabilmente le stesse cose .....

ciao

DottorDino
Collezionista avanzato
Collezionista avanzato
 
Messaggi: 722
Iscritto il: lun gen 06, 2014 1:38 pm
Ha votato: 11 volte
E' stato votato: 19 volte

Re: G 7 Napoli 1994 - Merce rara?

Messaggioda ignotus » sab nov 15, 2014 11:15 pm

tipo ah trovassi un foglio del tre lire al mercatino


Questa tua battuta mi piace molto! Sai bene che è un'ipotesi improponibile visto che i tuoi paesani dell'epoca hanno distrutto tutte le rimanenze (salvo un pochi di fogli di carta filigranata) invece di metterle da parte e rivenderle con profitto come capitato in altri stati antichi. Ma quanti ne avranno stampati di esemplari di questo francobollo oggetto oscuro del desiderio di tutti i filatelisti italiani ed esteri anche in uno stato pietoso cioè poco più di un rudere? Gli esemplari sopravissuti tra buoni e tristi, nuovi e usati non sono più di 4-500 a farla grande in base ad alcuni tentativi di censimento. Io la sparo così e così: non più di dieci fogli tripli da 240 esemplari complessivi suddividibili in quattro fogli più piccoli da 60. A farla grandissima non più di 2400 esemplari stante l'affermazione che a Firenze i commerci allora fiorivano alla grande e si spedivano tanti soldi contanti o titoli all'estero.

Avatar utente
ignotus
Collezionista Guru
Collezionista Guru
 
Messaggi: 5953
Iscritto il: sab gen 12, 2008 10:47 pm
Località: nel centro del Veneto
Ha votato: 39 volte
E' stato votato: 69 volte

Re: G 7 Napoli 1994 - Merce rara?

Messaggioda DottorDino » dom nov 16, 2014 9:56 am

Siamo dunque arrivati al limite del ridicolo .....

ciao

DottorDino
Collezionista avanzato
Collezionista avanzato
 
Messaggi: 722
Iscritto il: lun gen 06, 2014 1:38 pm
Ha votato: 11 volte
E' stato votato: 19 volte

Re: G 7 Napoli 1994 - Merce rara?

Messaggioda TINOS » dom nov 16, 2014 8:17 pm

Ignotus alle volte non ti capisco pienamente. Poco tempo fa dicevi che la crisi si sentiva poco perche dalle tue parti i ristoranti o le pizzerie erano strapiene a tutte le ore del giorno, ogni tanto dici che sono tempi di vacche anoressiche, ora dici addirittura che hai risentimenti di coscienza se spendi qualche 100 euro in francobolli ma se qualcuno ti dice di metterli in beneficenza o di non spenderli per stare in pace con l'anima tua tiri fuori la storia che tanti che oggi sono morti di fame disoccupati ecc ecc tempi addietro hanno fatto la cicala.
Ora questo dimostra un fatto che non si è mai daccordo con nulla, purtroppo anche in tempi di vacche anoressiche gente che si puo permettere pranzi al ristorante o in pizzeria ci sono e ci saranno sempre (vedi cena con Renzi da mille euro, quelli si devono vergognare). Io rimango dell'opinione che se uno spende dei soldi nel suo hobby preferito quando puo senza far fare rinunce alla famiglia, o comprare il pane a rate o non pagare fornitori, bollette o quant'altro non fa nulla di male e non gli deve rimordere la coscenza per nulla, perche se tutti non spendessero quei soldi la fila dei disoccupati aumenterebbe, in fin dei conti quanti posti di lavoro ci sono che vivono e guadagnano con solo gli hobby della gente.
Chi deve avere rimorsi sono ben altri, quelli che tolgono 5 euro dalle pensioni basse e non tolgono nulla alle pensioni d'oro, mi pare che con pensioni da 30mila o 90 mila euro al mese non passi bene la vecchiaia solo tu ma le tue 4 generazioni successive e forse ancora di piu, quelli che si devono vergognare sono quelli che con la riforma delle pensioni hanno penalizzato i normali cittadini che andranno in pensione con piu anni di lavoro e meno pensione ma la legge non vale per tutti di gia che alcuni dopo pochi anni hanno il vitalizio oltre che in futuro la pensione se non 2, perche qui in Italia le leggi non sono mai uguali per tutti.
Poi chi dice che gli aumenti delle tariffe delle Poste non sia anche in funzione che il collezionismo delle novita non sia diminuito, d'altronde i collezionisti filatelici compravano dei francobolli che venivano venduti per pagare un servizio ma che questo servizio non veniva utilizzato quindi tutto guadagno, diminuendo questo guadagno le poste è ovvio che devono compensare, quindi come vedi per vie indirette anche noi collezionisti possiamo essere utili nel nostro piccolo alla societa, piu collezionisti ci sono piu probabilmente le tariffe della posta possono essere basse a vantaggio di tutti, quindi i problemi e le cose cerchiamo di analizzarle a 360 gradi prima di trarne delle conclusioni affrettate quelle le fanno gia i nostri politicanti da strapazzo che non sanno fare un analisi decente delle cose e delle leggi che fanno perche vivono su Marte..... ciao ciao
Colleziono Italia Repubblica Nuovi, S. Marino Nuovi, Vaticano Nuovi
Italia Regno, Italia Repubblica Usati, storia postale, colonie in generale,
Occupazioni, Somalia AFIS, Somalia Italiana, Somalia Indipendente

Avatar utente
TINOS
Maestro collezionista
Maestro collezionista
 
Messaggi: 1588
Iscritto il: mer set 28, 2011 10:31 pm
Località: Torino
Ha votato: 4 volte
E' stato votato: 36 volte

Re: G 7 Napoli 1994 - Merce rara?

Messaggioda ignotus » lun nov 17, 2014 12:56 am

Caro Costantino

Le tue teoriie sono quelle della mia moglie Maria: dice che se non c'è consumo c'è crisi e saltano posti di lavoro. In parte avete ragione ma la ricchezza di una famiglia o di uno stato cresce quando entrano soldi dall'esterno: nel caso della famiglia se c'è lavoro da parte di uno o più membri e per lo stato quando si esportano prodotti all'estero. In Italia parte della crisi è dovuta alla poca competitività delle nostre esportazioni causa soprattuto alto costo del lavoro.. Io la penso così ma potrei sbagliarmi.


caro Dino

Riguardo al tre lire di Toscana debbo dire che la mia è stata solo l'esposizione di un mio pensiero circa questo prezioso francobollo e nulla più...
Riguardo allo stesso guarda cosa trovi su ebay e poi mi sai dire ...non aggiungo altro:

http://www.ebay.it/sch/i.html?_nkw=3%20 ... ana&crdt=0

trovi anche un bel falsone accessibile a tutte le borse!

Avatar utente
ignotus
Collezionista Guru
Collezionista Guru
 
Messaggi: 5953
Iscritto il: sab gen 12, 2008 10:47 pm
Località: nel centro del Veneto
Ha votato: 39 volte
E' stato votato: 69 volte

Re: G 7 Napoli 1994 - Merce rara?

Messaggioda CARLO CERVINI » lun nov 17, 2014 3:00 pm

Carissimo, si vuol far credere che la scarsa competitività derivi dall'alto costo del lavoro, ma non è così, lo stesso Marchionne per FCA e CNH Ind. o Pesenti per l'Italcementi hanno dichiarato più volte che il costo del lavoro incide sul prezzo del prodotto per non più dell'8 - 10%; sono gli altri costi vivi che mandano fuori mercato le aziende: il costo energetico per produrre che tra accise e Iva è il più caro del Mondo, il costo burocratico e tariffario nella movimentazione - trasporto delle merci (Dogane, carico e scarico e Enti impositori) e la pressione fiscale che nel caso della piccola e media industria arriva quasi al 50/55% tra IRPEG, addizionali locali, cuneo fiscale sul lavoro + IRAP + IMU + Tasi ecc.........

Questo è il vero bubbone che nessuno vuole incidere per il ricco gettito; molto più semplice e comodo turlupinare i lavoratori o i pensionati con la complicità dei sindacati.

Un abbraccio
Cervohold ciao ciao ciao

Avatar utente
CARLO CERVINI
Collezionista Guru
Collezionista Guru
 
Messaggi: 2865
Iscritto il: mer apr 08, 2009 1:47 pm
Ha votato: 0 volta
E' stato votato: 51 volte

Precedente

Torna a Filatelia e Diritto

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron