Philweb.it - Il news magazine online di Filatelia, Francobolli, Storia Postale
Indice   FAQ   Cerca   REGOLAMENTO
Iscriviti  Login
Benvenuti in Forum Francobolli
La community italiana dedicata alla filatelia, alla storia postale e ai servizi postali.

Francobollo tedesco, chiedo aiuto?

Domande (e risposte) su francobolli e oggetti postali "non identificati"

Re: Francobollo tedesco, chiedo aiuto?

Messaggioda Riccardo Amarante » gio mar 21, 2013 8:16 pm

spiacente molto poco, non hai trovato nessun tesoretto :D .... quotazione Scott 0,35 nuovo, 0.30 usato.




Riccardo

ciao ciao ciao

Avatar utente
Riccardo Amarante
Collezionista spigliato
Collezionista spigliato
 
Messaggi: 102
Iscritto il: dom apr 01, 2007 11:01 am
Località: LIVORNO
Ha votato: 6 volte
E' stato votato: 2 volte

Re: Francobollo tedesco, chiedo aiuto?

Messaggioda ignotus » gio mar 21, 2013 10:16 pm

Beh...se trovavi un'urna cineraria dell'età del bronzo a forma di carretto ...il discorso cambiava...i francobolli della repubblica federale di germania (iniziali volutamente minuscole!) si trovano in giro a prezzi di saldo salvo le serie fino al 1954!
Questo grazie al fatto che hanno messo fuori corso tutti i francobolli con facciale in marchi! Ringraziamo i nostri governanti di ogni colore poltico che hanno lasciato validi tutti i valori in lire: forse qualcuno di loro ne ha armadi pieni e deve smaltirli per normale affrancatura! Oltre l'Italia solo Belgio, Francia e Olanda mantengono validi i francobolli nella vecchia valuta almeno a partire da una certa epoca...evidentemente gli altri stati sono "stati canaglia" riguardo ai filatelisti peggio di quanto fa la corea del nord in campo politico!

Avatar utente
ignotus
Collezionista Guru
Collezionista Guru
 
Messaggi: 5987
Iscritto il: sab gen 12, 2008 10:47 pm
Località: nel centro del Veneto
Ha votato: 39 volte
E' stato votato: 73 volte

Re: Francobollo tedesco, chiedo aiuto?

Messaggioda Funes » ven mar 22, 2013 8:43 pm

ignotus ha scritto:Beh...se trovavi un'urna cineraria dell'età del bronzo a forma di carretto ...il discorso cambiava...i francobolli della repubblica federale di germania (iniziali volutamente minuscole!) si trovano in giro a prezzi di saldo salvo le serie fino al 1954


Beh per chi li vuole comprare, meglio così! Secondo me i collezionisti sono quelli che i francobolli li acquistano. Del resto il 3 lire di Toscana, vale ancora qualcosa anche se non è più utilizzabile per affrancare la corrispondenza.

ciao
Colleziono Italia Repubblica nuovi e Jugoslavia Repubblica nuovi.

L'unico modo di migliorare il mondo è migliorare se stessi. (L. Wittgenstein)

    Avatar utente
    Funes
    Collezionista spigliato
    Collezionista spigliato
     
    Messaggi: 350
    Iscritto il: dom apr 17, 2011 8:03 pm
    Ha votato: 0 volta
    E' stato votato: 2 volte

    Re: Francobollo tedesco, chiedo aiuto?

    Messaggioda ignotus » ven mar 22, 2013 11:03 pm

    Del resto il 3 lire di Toscana, vale ancora qualcosa anche se non è più utilizzabile per affrancare la corrispondenza.


    Discorso del c... non farmi diventare volgare! Del tre lire di Toscana se ne hanno stampati 3000 esemplari in due tirature (così sembra visto che ci sono due gradazioni di colore) sono tanti! Ma erano altri tempi! Tra le altre cose l'autorità emittente cessò di esistere con la proclamazione dell'annessione al regno d'Italia ed i francobolli emessi dalla stessa persero automaticamente di validità!
    Dei francobolli della germania bundes republik ne hanno stampati a vagonate, anche 30 milioni per il francobollo dedicato all'artigianato (tanto per fare un esempio) emesso l'8 marzo 1968 ma messo fuori corso il 31 dicembre 1969.
    Se questo non è un furto di stato a mio parere, datemi una definizione voi! Alla stessa epoca i francobolli italiani avevano validità permanente come la conservano tutt'ora quelli emessi a partire dal primo gennaio 1967 salvo poche eccezioni e con la serie ordinaria Michelangiolesca tuttora valida anche se emessa nel 1961!

    L'autorità responsabile che emette francobolli validi per l'affrancatura deve riconoscerne la validità per sempre fino a quando essa esiste e se decidesse di mettere fuori corso una o più serie dovrebbe far in modo che siano cambiabili con francobolli in corso a tempo indeterminato!

    Avatar utente
    ignotus
    Collezionista Guru
    Collezionista Guru
     
    Messaggi: 5987
    Iscritto il: sab gen 12, 2008 10:47 pm
    Località: nel centro del Veneto
    Ha votato: 39 volte
    E' stato votato: 73 volte

    Re: Francobollo tedesco, chiedo aiuto?

    Messaggioda Funes » sab mar 23, 2013 10:52 pm

    In Germania hanno dei politici seri e conseguenti: hanno preso atto del passaggio dal marco all'euro e messo fuori corso le banconote e i valori bollati in marchi. In Italia siccome siamo un popolo per così dire curioso, abbiamo messo fuori corso le banconote in lire, ma mantenuto in vigore anche taluni francobolli in lire.
    Vorrei Ignotus che mi spiegassi questo: perchè un collezionista di monete e banconote in lire deve subire il deprezzamento derivante dalla loro intervenuta non convertibilità in euro e dalla loro messa fuori corso; mentre i collezionisti di francobolli in lire godono del privilegio della "validità postale" della lira italiana?
    Oltretutto nessuno dei tanti nostalgici della lira che hanno visto da un repentino provvedimento del governo Monti mutate le loro mazzette di vecchie lire in carta straccia, sembra aver pensato che la conversione delle banconote in francobolli poteva essere l'unica strada per conservare nelle tasche delle lire spendibili.
    Cmq, il discorso di Ignotus è corporativo: lui è dispiaciuto che i suoi francobolli della Germania Ovest siano divenuti carta straccia; ma un collezionista tedesco che acquista francobolli (magari un ragazzino che si avvicina alla filatelia) è ben contento del calo dei prezzi.

    ciao
    Colleziono Italia Repubblica nuovi e Jugoslavia Repubblica nuovi.

    L'unico modo di migliorare il mondo è migliorare se stessi. (L. Wittgenstein)

      Avatar utente
      Funes
      Collezionista spigliato
      Collezionista spigliato
       
      Messaggi: 350
      Iscritto il: dom apr 17, 2011 8:03 pm
      Ha votato: 0 volta
      E' stato votato: 2 volte

      Re: Francobollo tedesco, chiedo aiuto?

      Messaggioda ignotus » sab mar 23, 2013 11:29 pm

      hanno preso atto del passaggio dal marco all'euro e messo fuori corso le banconote e i valori bollati in marchi


      E qui ti sbagli! Hanno messo fuori corso i francobolli in marchi per turlupinare i loro paesani ma le banconote e monete sono cambiabili a tempo indeterminato perchè se no serbi, mointenegrini, croati (i croati li rispetto al massimo perchè sono "più cattolici del papa!") e altre "brutte naje" dell'est che trasformavano i loro risparmi in marchi li avrebbero cambiati a velocità della luce in euro fruscianti con grave danno per l'economia dei cruchi! Se hai dei marchi li puoi cambirare ancor oggi!
      Riguardo ai francobolli dello stato canaglia (dal punto di vista filatelico!) DBR ne ho a vagonate ma li ho comprati a prezzo di carta straccia...io so dove andare a comprare la roba e posso regalarne ai "filatelisti poco in carta" anche un centinaio di differenti senza diventare più povero! Tra le altre cose ho comprato un paio di centinaia di "Erst Tag Blat" (una via di mezzo tra il bollettino ministeriale nostrano e la busta FDC) per trenta euro dentro un paio di raccoglitori di lusso: costano più i raccoglitori (penso almeno un centinaio di euro) di quanto valgono i bolettini conservati dentro!

      Avatar utente
      ignotus
      Collezionista Guru
      Collezionista Guru
       
      Messaggi: 5987
      Iscritto il: sab gen 12, 2008 10:47 pm
      Località: nel centro del Veneto
      Ha votato: 39 volte
      E' stato votato: 73 volte

      Re: Francobollo tedesco, chiedo aiuto?

      Messaggioda Funes » dom mar 24, 2013 1:12 pm

      Funes ha scritto:Vorrei Ignotus che mi spiegassi questo: perchè un collezionista di monete e banconote in lire deve subire il deprezzamento derivante dalla loro intervenuta non convertibilità in euro e dalla loro messa fuori corso; mentre i collezionisti di francobolli in lire godono del privilegio della "validità postale" della lira italiana?



      La domanda era questa.

      ciao ciao
      Colleziono Italia Repubblica nuovi e Jugoslavia Repubblica nuovi.

      L'unico modo di migliorare il mondo è migliorare se stessi. (L. Wittgenstein)

        Avatar utente
        Funes
        Collezionista spigliato
        Collezionista spigliato
         
        Messaggi: 350
        Iscritto il: dom apr 17, 2011 8:03 pm
        Ha votato: 0 volta
        E' stato votato: 2 volte

        Re: Francobollo tedesco, chiedo aiuto?

        Messaggioda ignotus » dom mar 24, 2013 1:51 pm

        Risposta: sono un titolo di credito al portatore e fino a quando lo Stato Italiano non ne decreterà la prescrizione.
        Tutto sommato i valori bollati in mano ai privati sono ben poca cosa rispetto alle quantità enormi di banconote "in aspettativa" presenti in vari nascondigli come questo:

        http://www.ilmessaggero.it/primopiano/c ... 6644.shtml

        Troppi miliardi di lire guadagnati in nero imboscati in vario modo da "gente troppo furba" come i due signori massacrati a Lignano Sabbiadoro per non suscitare nei governanti il desiderio di farli diventare carta straccia ai fini del valore fiduciario! E' in fondo giusto che lo Stato ci guadagni e dia "una lezione di stile di vita" a tanti evasori fiscali: se uno aveva una decina di milioni di lire guadagnati onestamente li avrebbe tranquillamente convertiti in euro! Per me è solo questa la scelta di aver dichiarato prescritte tutte le banconote e monete in lire.Io credo che fra monete e cartamoneta in buono stato di conservazione di possedere circa un milione di lire...ho lasciato prescrivere questi soldi solo perchè penso che il loro valore collezionistico aumenterà in un futuro magari quando non ci sarò più a questo mondo: bisogna pensere anche alle generazioni future.
        Tra le altre cose i francobolli in lire sono di fatto fuori corso per molti tagli: che libidine affrancare una lettera ordinaria con 70 francobolli da quindici lire del valore di 0,0077 centesimi che arrotondati diventano giusto un centesimo! Meglio usare sette francobolli da 200 lire che globalmente valgono 70 centesimi!

        Caro Funes (cognome dell'Alpago? Un mio compagno di università si chiama Rino Funes) penso che tu evidentemente non hai giacenze discrete di francobolli in lire per augurarti la messa fuori corso dei francobolli italiani in lire...se ne hai allora penso, senza offesa, che sei un poco masochista!
        Ti pare bello quello che ha fatto il Vaticano (da questo punto di vista "stato canaglia") a mettere fuori corso tutti i francobolli in lire senza neppure ammetterli al cambio? Almeno il Liechtenstein ha messo fuori corso i francobolli prima di una certa data (vedrò di documentarmi) ma li ha ammessi al cambio con dei nuovi sia pure con una tangente del 35% giustificata con "spese di produzione dei nuovi valori fiduciari"!
        Ultima modifica di ignotus il dom mar 24, 2013 8:18 pm, modificato 1 volta in totale.

        Avatar utente
        ignotus
        Collezionista Guru
        Collezionista Guru
         
        Messaggi: 5987
        Iscritto il: sab gen 12, 2008 10:47 pm
        Località: nel centro del Veneto
        Ha votato: 39 volte
        E' stato votato: 73 volte

        Re: Francobollo tedesco, chiedo aiuto?

        Messaggioda Funes » dom mar 24, 2013 5:27 pm

        ignotus ha scritto:Caro Funes (cognome dell'Alpago? Un mio compagno di università si chiama Rino Funes) penso che tu evidentemente non hai giacenze discrete di francobolli in lire per augurarti la messa fuori corso dei francobolli italiani in lire...se ne hai allora penso, senza offesa, che sei un poco masochista!
        Ti pare bello quello che ha fatto il Vaticano (da questo punti di vista "stato canaglia") a mettere fuori corso tutti i francobolli in lire senza neppure ammetterli al cambio? Almeno il Liechtenstein ha messo fuori corso i francobolli prima di una certa data (vedrò di documentarmi) ma li ha ammessi al cambio con dei nuovi sia pure con una tangente del 35% giustificata con "spese di produzione dei nuovi valori fiduciari"!


        Caro Ignotus, ricapitolando: la Germania sarebbe uno stato canaglia perchè mettendo fuori corso i francobolli e mantenendo in corso le banconote in marchi, l'ha messo in quel posto ai filatelici, salvando i numismatici. L'Italia sarebbe invece uno stato virtuoso perchè facendo l'opposto della Germania ha favorito i filatelici, danneggiando i numismatici (e gli sprovveduti).
        Semplicemente per me sarebbe stato meglio evitare di usare due pesi e due misure: francobolli e monete in lire avrebbero dovuto avere la stessa sorte.
        ciao
        PS: l'Universita l'ho fatta a Parma.
        Colleziono Italia Repubblica nuovi e Jugoslavia Repubblica nuovi.

        L'unico modo di migliorare il mondo è migliorare se stessi. (L. Wittgenstein)

          Avatar utente
          Funes
          Collezionista spigliato
          Collezionista spigliato
           
          Messaggi: 350
          Iscritto il: dom apr 17, 2011 8:03 pm
          Ha votato: 0 volta
          E' stato votato: 2 volte


          Torna a Cos'è?

          Chi c’è in linea

          Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite